Un duro post contro Padre Raffaele in un gruppo Facebook di arzanesi. A scatenare gli iscritti al gruppo la foto di una tettoia in amianto su un rudere acquistato dalla Parrocchia dell’Annunziata. Padre Raffaele viene accusato di far svolgere l’oratorio nelle vicinanze del pericoloso materiale, ancora più pesanti i commenti degli “indignati da tastiera”. Raggiunto telefonicamente in vacanza, Padre Raffaele non si scompone: “Da un anno abbiamo presentato il progetto al comune per l’eliminazione della tettoia e il rifacimento con altro materiale. Purtroppo il progetto è stato bocciato con la scusa che era un reliquato storico. Nelle ultime settimane – continua Padre Raffaele –  abbiamo effettuato alcuni sopralluoghi e abbiamo anche un anonimo finanziatore che si vuole accollare tutte le spese. Non avrei mai comprato quel rudere per lasciarlo in questo stato. la Parrocchia ha bisogno di spazio per le sue attività. Possono stare tranquilli i fedeli e queste persone, il percorso è avviato, solo la burocrazia ha rallentato il nostro cammino, a breve sistemeremo tutto”.

 

Condividi