L’artista italo olandese, napoletano per la precisione, che in queste ore sta facendo parlare tutti i media nazionali e non solo, arrestato ieri a Gerusalemme, ha realizzato un’opera anche ad Arzano.

Dopo il volto di San Gennaro e quello di Maradona, Jorit nel dicembre del 2015 realizzò sulla facciata laterale del “Centro Panda”, il presidio di riabilitazione cittadino, una delle sue strabilianti ed iperrealiste opere di street art.

L’opera realizzata da Jorit rappresenta dei bambini che dipingono: un planisfero con i colori della bandiera della pace, un paesaggio rurale, un faro tra le onde del mare. Inoltre, un grande sole colorato e bambine di diverse etnie che gli girano intorno. Campeggia al lato un volto di bambino che osserva tutto.

Al termine dell’opera realizzata con i suoi famosissimi spray, Jorit incontrò anche  gli alunni della classe V – C, dell’istituto comprensivo 1 Ariosto per un’intervista.

L’artista napoletano è stato arrestato a Bettlemme, mentre stava ultimando un murale sul muro di separazione israeliano. L’opera ritrae il volto di Ahed Tamimi, attivista palestinese di 17 anni, arrestata per aver schiaffeggiato due soldati dell’Idf (Israel defense Forces).

 

Condividi