Dopo trentasette anni, per la prima volta, il nostro mensile non potrà accedere nel Municipio per acquisire notizie sulle liste dei candidati al consiglio comunale. Il consueto numero speciale sulle elezioni, realizzato a tempo di record e divenuto negli anni autentica tradizione della nostra città, rischia di non uscire.  In realtà avevamo fiutato i problemi e in data 4 maggio, per la prima volta in 37 anni, avevamo protocollato la richiesta di accredito per tre nostri collaboratori, compreso un fotografo, allegando copia dei tesserini di iscrizione all’Ordine dei Giornalisti. Martedì scorso, il nostro direttore, raggiunto al telefono dalla Segretaria Generale del Comune, ha spiegato che si chiedeva solo l’accesso al piano terra del Municipio per “intercettare” i presentatori delle liste e acquisire notizie sui candidati,  senza intralciare il lavoro dei dipendenti comunali. Oggi pomeriggio la telefonata di diniego: “Ci dispiace, ma non è possibile. Vi potete mettere in piazza a svolgere il vostro lavoro, tanto lo spazio c’è”.

Dopo lo sconforto iniziale, abbiamo deciso di rivolgerci all’Ordine dei Giornalisti, per far valere il nostro diritto all’informazione. Sabato prossimo saremo fuori dal Municipio, ci sistemeremo tra le aiuole della piazza per svolgere il nostro lavoro. Ormai il Municipio, da oltre tre anni, non è più la casa degli arzanesi.

Condividi