Contro la doppia fatturazione della Ta.Ri. per gli anni 2015 e 2016 scendono in campo la Cisl e  l’associazione Nuove Prospettive per Arzano. Il Responsabile Confederale di Arzano, Giovanni Aruta con una lettera inviata anche al Prefetto Pantalone ha chiesto al Commissario straordinario Cimmino un urgente incontro in merito alla Tassa sui rifiuti (Tari). Aruta scrive ancora: “La vostra decisione di far pagare i cittadini arzanesi in poco tempo il biennio (2015-2016), ha creato molto sconforto tra i cittadini”.

L’associazione Nuove Prospettive per Arzano dopo il manifesto affisso nelle scorse settimane, ha studiato alcune proposte di modifica al fine di alleggerire l’enorme carico economico di questa tassa. Nella lettera inviata ai commissari, i firmatari Aria, Miele, Ferone hanno evidenziato che: “I cittadini di Arzano inizio anno 2016 si sono visti recapitare le cartelle di pagamento della Tari anno 2014 con degli aumenti notevoli rispetto al passato; dopo una prima fase di difficoltà dovuta alle modifiche apportate alla tassa e ad errori riscontrati In numerose cartelle gli stessi hanno iniziato il pagamento che per molti non è ancora terminato”. Per quanto riguarda le prossime fatturazioni, l’associazione ha lanciato ancune proposte: “In questo quadro con determinazione n° 13 del 27 settembre 2016 si è previsto l’invio in un’unica soluzione dei ruoli Tari anno 2015 e 2016 prevedendo il pagamento complessivo in 6 mesi.

Ritenendo insostenibile per la cittadinanza questa decisione, suggeriamo una serie di modifiche quali:

  1. Maggior rateizzo relativo all’anno 2015;
  2. Pagamento relativo all’anno 2016 posto in coda a quello dell’anno 2015;
  3. Incremento raccolta differenziata;
  4. Esenzioni per le famiglie disagiate;
  5. Riduzioni per carico familiare;

Quindi con i punti sopra proposti, in particolare l’incremento della raccolta differenziata, che rappresenta uno dei parametri di civiltà della società in cui viviamo, si determinerebbero condizioni economiche più favorevoli al cittadino con maggiori introiti e minori costi”.

Condividi