Un post, quello che si pubblica solitamente sui social dove non vi alcun costo da versare per la pubblciità, che evidenziava la foto di alcuni volatili rapaci, ha suscitato la curiosità delle guardie zoofile e degli agenti. Contattato l’autore dell’annuncio, allo stesso gli agenti del Comando della polizia locale di Arzano e delle guardie zoofile di Agriambiente, hanno mostrato l’interesse  a voler acquistare i falchi ed alcune cornacchie e gazze ladre.

Concordato il prezzo, circa 100 euro a volatile, e concordato anche l’incontro presso una strada di Arzano, si sono presentati all’appuntamento alcuni agenti e guardie zoofile in borghese per non destare sospetti. Simulata una avaria a motore dell’auto in borghese, gli operatori hanno fatto avvicinare il  possessore degli animali verso una zona tranquilla per poi operare il sequestro. In tutto quattro i falchetti recuperati e una cornacchia. L’uomo, proveniente da Secondigliano, case popolari, è stato bloccato e i volatili sequestrati e affidati al Centro recupero animali rapaci di Napoli dove sono stati sfamati e curati. A carico del responsabile una denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord per maltrattamento animali e detenzione illegale di specie protette. Ora dovrà subire un processo.

Continua l’attività degli uomini del Comandante Chiariello verso la protezione degli animali, dove prima era toccato ad alcuni cavalli, cani. Questa volta l’attività è stata congiunta tra agenti e zoofili.

 

Condividi