Nominato Commissario l’Assistente Sociale, Nadia Frank

Getta la spugna il presidente del Centro per la Terza età, Eduardo Parolisi. Eletto presidente il  13 0ttobre 2011, si è dimesso ad inizio di novembre: “Ho profuso tanto entusiasmo, impegno, con l’aiuto del comitato sono state messe in piedi tante attività come: ginnastica, teatro, giochi, tornei, gare di ballo, cineforum, tombolate, gite”. Poi qualcosa si è rotto.

“A marzo fu organizzata una gita a Montecassino, – continua l’ex presidente – per la celebrazione della Santa Messa invitai un Frate della nostra zona.  Il religioso rimase meravigliato dal calore e della familiarità dei soci e chiese  di poter far conoscere il Centro alla sorella e ad una cugina, una psicologa e una professoressa di matematica, naturalmente la risposta fu affermativa. Un sabato le due signorine si presentarono al Centro, io ero assente, ma purtroppo una socia andò a reclamare in segreteria chiedendone l’espulsione in quanto non iscritte. Per statuto è ammessa la frequentazione nel Centro di ospiti in modo saltuario, senza distinzione di sesso, fino ad un massimo del 3% degli iscritti, purchè rispettosi del regolamento. Alla fine le due ospiti furono messe alla porta. Il giorno dopo feci le mie scuse alle due signore e il 7 Maggio  rassegnai le dimissioni”.

Numerose le dimostrazioni di stima e affetto, e il 20 maggio Parolisi revocò le dimissioni.

Sembrava  essere ritornato il sereno, invece un  ennesimo episodio incrina i rapporti al’interno del comitato. Ad ottobre si dimettono il tesoriere, il vicepresidente, il segretario e un altro consigliere.

Il Centro continua  la sua attività ed i soci non avvertono il disagio per la mancanza dei tre membri del comitato.

I primi di novembre il presidente sollecita il responsabile delle politiche sociali del Comune per la nomina del nuovo vicepresidente, e scopre che tutti membri dimissionari del comitato avevano ritirato le dimissioni.

A questo punto Eduardo Parolisi dice basta e formula le proprie irrevocabili dimissioni.

Dopo il Comune anche il Centro per la Terza Età resta senza una guida.

Ar.Si.

Condividi