Nell’ambito dell’alternanza scuola lavoro, la professoressa Santospirito e il professor Nobisso, responsabili dell’alternanza nel Liceo Giordano Bruno di Arzano, hanno concesso a La Voce di intervistarli, per delineare il quadro generale delle dinamiche e dei lavori in corso.
<< Noi l’alternanza scuola lavoro l’abbiamo intesa non come lavoro.>> afferma il prof. Nobisso << Avremmo potuto prendere i ragazzi, smistarli nei vari studi e fargli fare un’attività molto pratica e semplice, quale caricare le fatture nei computer. Ma noi abbiamo cercato di fare qualcosa che andasse oltre.>>
In questo senso la scuola ha promosso una collaborazione con l’Ordine dei Commercialisti, nello specifico il Dott. Vitagliano, commercialista di Arzano, e il Dott. Giuliani, per adempiere all’arduo e creativo compito di inserire una materia di ambito economico nel contesto scolastico del liceo, cercando di insegnare il controllo e la gestione di un’azienda. Inoltre sono stati presi contatti con Noi siamo futuro Social Journal la Micron e la Guerriero Pelletterie di Arzano.
<< Una cosa da stigmatizzare è che qui ad Arzano non abbiamo avuto nessun referente con il Comune, niente, nulla! Invece, a Grumo la scuola hanno avuto la possibilità di collaborare strettamente con il sindaco.>> Un elemento, quest’ultimo, fondamentale per creare una rete di collaborazione interna per consolidare il rapporto dei ragazzi con il loro stesso territorio.
<< Ci sono state, non ci nascondiamo, tutta una serie di difficoltà perché è un territorio totalmente nuovo. È qualcosa che noi stiamo costruendo molto lentamente, anche con una serie di difficoltà pratiche, come creare una tabella di valutazione delle competenze o presentare il patto formativo ai ragazzi. Poi, in un sistema complesso quale la scuola ci deve essere un coinvolgimento più completo dei consigli di classe e occorre che questi metabolizzino i materiali dell’alternanza. >>

                                                                                                                                             Giuseppe Fioretto

Condividi