È trascorso più di un anno da quando l’Associazione “Agrippinus” maturò l’idea di celebrare il Centenario della morte di Vincenzo Tiberio con una serie di 3 manifestazioni che coinvolgessero  i comuni di Arzano e di Sepino, nonché le Università di Napoli e di Campobasso.

L’Agrippinus, con queste manifestazioni, intendeva non solo celebrare lo scienziato, ma anche onorare la memoria di Salvatore De Rosa che, negli anni in cui aveva ricoperto il ruolo di Presidente, si era adoperato tanto per far conoscere il grande scienziato molisano.

Lo scrivente, che dagli inizi del 2012 è succeduto nella carica di Presidente dell’Agrippinus al De Rosa, ha raccolto il testimone in quest’azione di riscoperta e di rivalutazione della figura di Tiberio.

A fianco a lui, in quest’opera, oltre ai soci dell’Agrippinus, il figlio dell’ex Presidente, Sergio De Rosa, Presidente di Aria pulita. Questi, quasi a voler rispettare il volere testamentario del padre, si è fortemente adoperato affinché il progetto vedesse la luce.

Come si ricorderà, sabato 9 maggio 2015 si svolse la prima delle manifestazioni, che vide protagonisti anche gli alunni di Arzano, grazie all’encomiabile opera del Circolo di Legambiente.

In quell’occasione si ebbe un grande concorso di pubblico ed una folta partecipazione di qualificati esponenti del mondo scientifico.

Il 12 giugno 2015, invece, si svolse la 2^ manifestazione, presso l’Ospedale Incurabili di Napoli, dove intervennero prestigiose personalità del mondo scientifico, come il prof. Giulio Tarro, eminenti Professori universitari ed importanti esponenti della Sanità campana.

Il 7 gennaio 2016, infine, nella suggestiva cornice della sala S. Stefano della cittadina molisana, si è svolta la 3^ ed ultima delle manifestazioni in programma, che ci ha visto ancora una volta protagonisti.

Sepino, paese natale di V. Tiberio, ha voluto commemorare  la figura dello scienziato, a conclusione del Centenario, nella ricorrenza del giorno della sua morte, avvenuta il 7 gennaio 1915.

Questo momento celebrativo ha visto il coinvolgimento dell’Università del Molise, che ha già intitolato a Tiberio il dipartimento di Medicina e Scienze della Salute. Oltre alle autorità politiche locali ed al Rettore dell’Università di Campobasso, hanno partecipato alla manifestazione autorevoli esponenti della Sanità molisana.

In quest’occasione sono stati distribuiti i 2 libri che l’“Agrippinus” ha pubblicato  su Tiberio: quello del 2006 e quello dell’anno scorso elaborato per l’occasione dei tre eventi programmati ad Arzano, a Napoli ed a Sepino.

A conclusione della manifestazione il maestro F. Finizio, anche a nome dell’Associazione Agrippinus, ha consegnato nelle mani del Sindaco di Sepino un suo dipinto raffigurante V. Tiberio, come dono alla cittadina molisana.

Con la celebrazione del Centenario di V. Tiberio si è voluto, ancora una volta, rendere onore ad un grande cittadino arzanese e divulgare la sua straordinaria scoperta.

Ma non bisogna fermarsi: tutto il mondo dovrà sapere e dovrà convincersi che Tiberio ha anticipato Fleming di ben 34 anni nella scoperta della Penicillina.

L’Agrippinus ce la metterà tutta. Come sempre!

                                                                                                                      Giustino Aruta

Condividi