– Si torna a parlare di sosta oraria a pagamento sulle strade cittadine –

Dopo la Commissione Straordinaria anche la maggioranza Esposito tenta di far ripartire la sosta a pagamento sul territorio cittadino.

Con Delibera n.42 del 6 marzo scorso la giunta Esposito ha deciso di istituire le “strisce blu” nelle strade della nostra città.

Saranno realizzati oltre 900 stalli per la sosta, per ogni 50 un posto sarà riservato ai disabili ed una percentuale del 10,00% di stalli con strisce bianche nelle immediate vicinanze degli stalli a pagamento onde soddisfare i principi normativi del Codice della Strada.

Questa la dislocazione degli spazi contrassegnati con le strisce blu: via Napoli n. 200 stalli, via L. Rocco 121 stalli; via A. Pecchia 121 Stalli; via Sette Re n. 53 stalli; via Garibaldi e piazza dei Martiri 53 Stalli; Via Galilei n. 77 stalli. Parcheggio Piazza Marconi n. 18 Stalli; via Falcone e Borsellino lato sinistro n. 25 stalli; Via Colombo n. 20 stalli;  Parcheggio antistante Cimitero n. 30 stalli; via Galilei n. 77; via A. Moro n. 17 stalli; via Cardarelli-Meucci-Silone 170 stalli.

Il servizio di sosta a pagamento sulle suddette strade sarà attivo tutti i giorni della settimana, escluso domenica e festivi, dalle ore 8:00 alle 14,00 e dalle 16,00 alle 20,00; nell’area antistante il Cimitero, la sosta oraria a pagamento, sarà attiva anche di domenica e nei festivi, dalle ore 08,00 alle 14,00.

La sosta nelle strisce blu sarà soggetta al pagamento della tariffa oraria di 0,50 cent./ora o frazione di ora. Per i residenti è prevista la possibilità di acquisto di un abbonamento per ciascun nucleo familiare con il pagamento di 20,00 euro mensili. Per coloro che svolgono attività lavorativa nel territorio comunale ma non sono residenti, è prevista la possibilità di garantire che per n. 1 veicolo, ogni lavoratore, possa procedere ad abbonamento al costo di  25,00 euro mensili valido esclusivamente nella strada dove è sito il luogo di lavoro e solo per le ore di lavoro.

(pubblicato su “La Voce di Arzano” del 25.03.2018)

Condividi