I commissari non convocano il “Comitato Civico Spontaneo” sulla Ta.Ri., pronto un volantino che elenca tutti gli “errori” commessi nel conteggio delle tariffe. Di seguito il volantino che sarà distribuito ai cittadini.

LA CONVOCAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO NON CI SARA’?

NESSUN PROVVEDIMENTO SULLA TA.RI SARA’ ADOTTATO?

 Se questo, malauguratamente dovesse avvenire, i cittadini potranno presentare istanze singole di rettifica/annullamento in autotutela, e perseguire le vie legali per il recupero di quanto versato in più a seguito di maggior tributo richiesto.

I moduli per il ricorso, saranno disponibili, unitamente alla necessaria assistenza per la compilazione,dalla prossima settimana ogni martedì egiovedì dalle ore 10 alle ore 12 presso la Parrocchia Cristo Redentore.

GLI INTERROGATIVISULLE DELIBERE TA.RI2014/2015/2016:

– le tariffe applicate per l’anno 2014 risultano diverse da quelle deliberate, producendo, per le utenze domestiche, un aumento generalizzatodi €. 20,e, contrariamentea quanto assicurato, non tutti hanno ricevuto il dovuto rimborso. Inoltre, sempre nella stessa delibera, è stato attribuito un valore del “Costo d’Uso del Capitale” di€. 693.919,13, già compreso nei costi di gestione del servizio;

– un valore diverso da zero del “Costo d’Uso del Capitale”è stato riportato anche nel calcolo delle tariffe della spazzatura relative al 2015 e al 2016, comportando nel triennio, mediamente, per ogni famiglia, un maggior versamento di circa 140 euro.

– per alcune utenze non domestiche sono stati applicati illegittimamente coefficienti di produzione rifiuti oltre i limiti previsti, senza darne le dovute motivazioni, in contrasto con le indicazioni della Corte Costituzionale: “la discrezionalità concessa agli amministrativi non sfocinell’arbitrio”. E’stupefacente, inoltre, che la superficie complessivamente occupata dagli uffici, agenzie e studi professionali, sia passata, dal 2015 al 2016, da 19.352 a 175.879 mq.

Movimento Civico Spontaneo

Condividi