COMUNICATO STAMPA———————

Beni confiscati Arzano: il Tar Campania sospende gli effetti della revoca dell’ex Ex Macelleria sociale.Comune di Arzano condannato a pagare le spese legali. Il Tar Campania ha emanato un’ordinanza di sospensiva dell’atto con cui il Comune di Arzano aveva revocato il bene confiscato Ex macelleria sociale all’associazione “dal basso” Si conclude la prima fase di una lunga, turbolenta e a tratti surreale vicenda che finirà con l’udienza fissata il prossimo 20 gennaio. Ci prepareremo all’udienza con la stessa tenacia anche con il supporto dei legali che ci stanno seguendo, l’Avvocato Domenico Siniscalchi e l’Avvocato Raffaella Caiazza, ai quali va il nostro ringraziamento per aver preso a cuore la nostra causa. Siamo ovviamente soddisfatti della sospensiva ma non ci basta. L’ex dirigente ai beni confiscati del Comune, il Comandante Maiello, imputava alla nostra associazione una insoddisfacente azione di riqualificazione del bene confiscato. Abbiamo dimostrato ampiamente e continueremo a farlo in tutte le sedi, l’infondatezza di questa tesi nonostante, come si legge dall’ordinanza del TAR “ il Regolamento di Concessione non prevedeva obblighi di “adeguamento” e “riqualificazione” a carico dei concessionari”. Infatti pur non avendo un obbligo regolamentare ci siamo impegnati per dovere civico e logicità a recuperare la struttura in stato di abbandono e degrado avviando onerosi e importanti interventi di riqualificazione cosi come dimostrato dalla rendicontazione degli stessi che abbiamo pubblicato sul sito associazionedalbasso.itIl nostro obiettivo resta l’apertura dell’ex macelleria sociale ad oggi non ancora avvenuta non certo per responsabilità di associazione dal basso che invece, come si evince dall’ordinanza del TAR, ha operato nel rispetto delle norme vigenti. Non vogliamo retrocedere di un passo siamo certi di poter vincere questa battaglia di cittadinanza in cui troppo spesso ci siamo sentiti soli. Vogliamo che le autorità competenti e i cittadini conoscano il lavoro che abbiamo svolto e per questo allestiremo all’interno del bene un percorso aperto che dimostri gli interventi fatti, racconti la storia di questi anni e le idee per il futuro. @ Arzano

Condividi