(Gerardo De Rosa) Uno dei reperti più antichi della città di Arzano che resiste all’incuria ed assalto, vertiginoso, di chi proprio non sa come disfarsi di rifiuti ingombranti.

L’antica chiesetta confina con l’area cimiteriale e fino agli settanta era vissuta come una cappella dove venivano officiate le sante messe e dove i fedeli che si recavano al camposanto riuscivano a trovare attimi di riflessione e di preghiera sia prima che dopo la visita ai defunti.

Per il passato sono stati fatti tentativi di far acquisire al patrimonio comunale questa che, ad oggi, è il reperto più antico che insiste sul territorio comunale. Proprio in questa zona, sorsero i primi insediamenti abitativi di quella che poi diventò Arzano. Potrebbe la Commissione prefettizia presieduta dalla dott.ssa Gabriella D’Orso intervenire in tal senso?

Per quanti lamentano l’assenza di telecamere che sorveglino lo sversamento abusivo di ingombranti, ebbene proprio questo monumento è sorvegliato da telecamere. Ci auguriamo che presto partano multe verso quanti non rispettano Arzano ed i suoi monumenti.

Condividi