In un manifesto che sarà affisso nelle prossime ore, l’amministrato unico dell’Arzanese, Salvatore De Vita, annuncia di voler lasciare l’Arzanese e scrive: “Quella appena conclusa e’ stata una stagione difficile, la più’ dura da quando ho deciso di ricoprire il ruolo di amministratore della ns. amata Arzanese,

Dodici anni a capo della compagine biancoceleste che hanno portato la nostra squadra a disputare campionati prestigiosi come la lega pro per tre anni di fila, durante i quali non abbiamo mai avuto la gratificazione di disputare neanche una sola gara casalinga sul campo sportivo di Arzano, costellati da grandi emozioni e (poche) delusione.

Ma, si sa, anche le storie più’ belle possono finire; lo scorso giugno dopo la cocente delusione della retrocessione in eccellenza, già mi ero deciso a passare la mano e cedere gratuitamente il titolo sportivo a chiunque si fosse dimostrato interessato a subentrare; purtroppo nessuno si fece avanti e di mia spontanea volontà, come ultimo atto di attaccamento alla compagine sportiva ed al territorio arzanese, decisi di iscrivere la squadra al campionato di competenza nella speranza di trovare qualche imprenditore che mi affiancasse strada facendo, ribadendo che questo sarebbe comunque stato l’ultimo anno di mia gestione.

Oggi, tenendo fede a quanto detto a tempo debito, ribadisco la volontà’ di cedere a titolo assolutamente gratuito la compagine societaria, priva di debiti pregressi e con i conti in regola, e che in mancanza di soggetti interessati l’ U.S. Arzanese non sarà’ iscritta ad alcun campionato, con, conseguente perdita dello storico titolo sportivo che dal lontano 1924 ha rappresentato la ns. città nei campionati di calcio campani e nazionali.

Chiedo quindi agli amministratori, alla cittadinanza tutta, agli imprenditori ed a i professionisti locali di attivarsi per proseguire l’attività’ agonistica e non lasciar ammainare la ns. “bandiera””.

 

Condividi