Nuova sconfitta per il Comune di Arzano nella querelle contro il fabbricato di via A. Pecchia. Dopo il TAR Campania, stamattina anche il Consiglio di Stato ha dato ragione al proprietario, Luciano Volpicella. L’imprenditore, titolare del marchio Lu.Vo barattoli, non considera chiusa la vicenda: “Sono stato dipinto come un camorrista, per aver rsitrutturato la mia proprietà in via A. Pecchia, siamo arrivati fino alla fine e ho avuto ragione insieme al mio tecnico Giuseppe Umbriano e al mio avvocato Antonio Camarca. La vicenda non finisce qui, dopo l’esposto che presentammo qualche anno fa alla Procura della Repubblica di Napoli, adesso avvierò tutto l’iter per essere risarcito dei danni che ho subìto come persona e imprenditore, chiederò un milione di euro di danni”.

Condividi