Lo scorso anno scolastico li abbiamo visti protagonisti di eventi culturali di alto spessore, affiancando magistrati, docenti universitari, importanti esponenti del mondo politico e militare.
Li abbiamo seguiti alla BASE NATO di Lago Patria, in un proficuo confronto con il Generale Portolano, allora Capo di Stato Maggiore dell’Allied Joint Force Command Naples e oggi Comandante del COI (Comando operativo di vertice interforze).
Li abbiamo apprezzati a Benevento, a Palazzo Paolo V, in occasione della pièce teatrale “Eva non è ancora nata” del dott. Salvatore Cosentino, Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Lecce, nell’ambito di un evento esclusivo, organizzato dal primo cittadino di Benevento, l’on. Clemente Mastella, in collaborazione con Tribunale, Ordine degli avvocati e Università della città sannita.
Abbiamo assistito, orgogliosi, alla proiezione del loro video contro la violenza di genere alla festa della Polizia di Telese Terme, invitati dall’ allora questore di Benevento, il dott.Giuseppe Bellassai, oggi questore di Taranto.
Li abbiamo visti organizzare nella propria scuola un incontro sul tema “Diritto, etica ed estetica”, a cui ha partecipato, tra gli altri, l’allora Comandante del Quartier Generale Italiano presso la Base NATO di Lago Patria, il colonnello Vincenzo Lauro.
Sono gli studenti del “Don Geremia Piscopo” di Arzano. Sono gli alunni dell’attuale V A, indirizzo informatica, guidati dalla prof.ssa Antonella Nicolella.
Sono ragazzi che, dimostrando interesse per tematiche complesse, hanno scelto di intraprendere un viaggio culturale, nella direzione della legalità, che giovedì, 3 ottobre, li vedrà fare tappa all’Università del Sannio, presso la facoltà di giurisprudenza, avendo il privilegio di partecipare, nell’ambito del corso di Diritto e Letteratura, all’incontro tra due Maestri, i professori Felice Casucci e Sergio Barile. Il primo, ordinario di Diritto Privato Comparato presso l’Università del Sannio. Il secondo, ordinario di Menagement presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Si discuterà di “approccio sistemico vitale”, partendo da un “caso letterario”: “Le ali del bruco”, dello scrittore Antonio Cucciniello.
L’ incontro prelude all’adesione della Scuola ad un progetto di lettura che il Dirigente scolastico, la prof.ssa Carmela Ferrara, ha accolto con entusiasmo, essendo intimamente convinta della necessità di diffondere tra i giovani il piacere della lettura, la quale va certamente incentivata al di là dei meri testi scolastici.
Ancora una volta, il “Don Geremia Piscopo” dimostra di essere una Scuola “che funziona”, con gli strumenti giusti e con la volontà di chi ci lavora.
Ancora una volta, il “Don Geremia Piscopo” “non si risparmia”, essendo pienamente consapevole della necessità, in un territorio complesso come quello in cui opera, di sostenere sogni, di raccogliere vite, di proteggere ambizioni. Di dimostrare ai ragazzi, attraverso una costante opera di disseminazione valoriale, che un futuro migliore è possibile, nonostante tutto, lontano dalla strada e dalla criminalità.

Condividi