Riceviamo e Pubblichiamo ————————————————–

Fiorella Esposito si è dimessa dalla carica di sindaco di Arzano.
Giusta la scelta fatta dopo alcune sue affermazioni in particolare quella riferita a pressioni, logiche e procedure appartenenti ad un passato non molto lontano che si vorrebbero riattivare.

Al momento non e’altrettanto chiara la posizione dei dissidenti.
Sono parte integrante della maggioranza, partecipano a pieno titolo alle riunioni di maggioranza dove si decide quali problematiche discutere e portare a soluzione.Sono presenti in amministrazione con un assessore da loro designato, occupano il ruolo di presidente in tre commissioni consiliari, hanno accesso a tutti gli atti amministrativi ed hanno la possibilita’ di interloquire sia con i dirigenti comunali e con tutti gli assessori. Eppure lamentano ancora un mancato coinvolgimento sulle scelte decisionali che precedono l’azione amministrativa e gestionale.
Nell’ente COMUNE c”e una funzione di indirizzo e di controllo di competenza del consiglio comunale e quindi di ogni singolo consigliere e poi c”e quella gestionale di competenza della giunta e dei dirigenti
comunali per il raggiungimento degli obiettivi fissati nel programma elettorale sottoposto ai cittadini. Allo stato non mi sembra che l”azione dell”amministrazione Esposito abbia preso un’altra strada, ne tanto meno sia venuto meno uno dei punti cardini del programma quello della legalita” e la trasparenza dell’azione amministrativa.
Poco chiara e non condivisibile la scelta dei consiglieri del gruppo Agire di non presentarsi in consiglio comunale per ben due volte dove avrebbero potuto manifestare motivando la loro insoddisfazione e dissenso nei confronti del sindaco.
Ci sarebbe stato un confronto politico pubblico e trasparente e forse alla fine ci sarebbe stato un chiarimento.La posizione intrapresa purtroppo rende tutto più difficile.Se il sindaco non ritira le dimissioni avremo un altro commissariamento fino a maggio 2019 che nella migliore delle ipotesi riuscira’ a garantire un po’ di ordinaria amministrazione.
Una nuova amministrazione nelle condizioni date crediamo non possa fare molto di piu’.
Allora mettiamo da parte tutti insieme
nteressi esclusivi della propria parte politica e organizziamo un tavolo di discussione di tutta la maggioranza per accelerare al massimo il raggiungimento degli obiettivi contenuti nel programma nell’interesse dei cittadini.

Leonetti Annamaria

Zanfardino Salvatore

Condividi