Questa sotto veniva cantata con la fisarmonica da Eugenio, sui tram e sugli autobus. Qualche vecchio come me potrebbe ricordarla. È riportata da Roberto De Simone nel suo La canzone napolitana, edizione Einaudi 2017, a p. 43. Crediamo sia il miglior commento possibile per ricordare quegli infelici momenti.

‘A storia chi lle dice’ e Mussolline
era nu buffone, n’ assassino.

Allo Ventidue fece la sbrasata
marciò su Roma libera all’entrata,

parlò che nun ce abbastava ‘na semmana

ca isso e ‘o Rre nun se astregnevano ‘a mano.
Tutto l’appoggio avette d’ ‘e surdate,

tutti i partiti furono sbandati.

Musulline ch’era ‘mbruglione,

cumannava a tutta la pupulazione,

facette ‘e strade, ‘e vere sanatorie,

all’ ate ‘e mannava ô,Purgatorio.

Che le venette ‘ncapa ‘na matina?,

ch’ avevamo fa’ la guerra all’ Abissine,

‘a scusa ca ce stevano ‘e brillante

mettette ‘0 tarlo ‘ncapo a tutti quante.

Ma ‘a gente diceva «ave ragione»,

ce steva chi diceva «è chiacchierone»,
tanto che dint’ , e recchie se mettete
che a guerra in Abissina se facette.

Si opposero diverse nazioni

senz’ intervento fecero ‘e ssanzione,
pecchè si nuie vulimmo arragiuna’
ce steva ogni mezzo p’ ‘o ferma’.
L’ommo se ne sagliette ‘e cervella.
Faceva ancora cchiu Pullicenella,
chisà si pazziava, o era overo,

chillo sfidaie a tutt’ ‘o munno intero.
Ma Russia, americani e l’Inghilterra
cu nuie nun vulevano fa’ ‘a guerra,

e se sentette ‘e dicere addirittura

ca chille se pigliavano appaura.

Se cunvincette n’auto guagliuncello,
nu pazzo peggio d’isso a baffetiello,
assieme tutt’ e duie, duie spustate,
‘o munno è stato tutto arruvinato.
E dichiarava guerra, o bene o male,

da ‘o primmo juorno, già mancava’ o sale.
Surdate sulo armate ‘e baionette

erano senza scarpe e senza elmetto,

po’ cuminciae ‘o bombardamento,
aeroplane notte e ghiuorno ogni mumento,
‘e pprimme bombe erano bumbetelle,

‘a guerra me pareva pazziella,

po’ jettavano bombe ‘e sei quintale,
là se parlava ‘e pazzia’ a fa’ male.

‘A gente se ne fuieva sott’ ‘o purtone,
mettette quattro pale e chiancarelle
chi steva sotto ce appezzava ‘a pelle,

cu tutto questo nun perdeva’ o scuorno,
diceva «Vinceremo!» tutt’ ‘e juorne,

poi cacciaie razione e pane,

ogni sei mise reve doie patane.

‘A gente’ e vverive cade’ pe’ terra
e isso criticava l’Inghilterra,

faceva ri’ che l’Inghilterra insomma

già steva pe’ ce j’ ‘nterra cu ‘e ggomme.
Quanta buscie, e quante ne diceva,

e quanti aerei diceva che abbatteva,

senza parlare d’ ‘e nnave che affunnava,
a radio ậ sera comme schiassiava:

– Ciento cinquanta songo già affunnate,
quaranta in fuga e ciento danneggiate!
Ma solo chi era overo nu cretino
credeva che era fatto lu buttino.

Ma ‘a storia nun se leva e nun se mette,
Musullino ‘a lengua nun s’agliottette.
tanno ‘a fernette ‘e fa’ l’aucellone

nun ascette cchiù fore o barcone.

A chisto punto ccà esce Badoglio,
cunusceva tutte chelli ‘mbroglie,
dicette ‘nfaccia ȏ Re: – Oi Maestà,

a chi aspiett’ ca nun ‘o faie arrestà?
Musullino dint’ ‘a chelli stanze

ascette dint’ a ‘na ‘mbulanza.

Quanno pe’ tutt’ ‘o munno s’appuraie

p’ ‘a gioia p’ ‘a priezza se zumpaie

Però a tera’ currettero ‘e fascisti,
ascettero subbeto ‘e comunisti,

ma Badoglio pe’ ghionta ‘e stu servizio
firmaie cu l’Inghilterra l’armistizio,
mentre già p’ ‘a pupulazione

si cumplicaie ‘a situazione.

Chillo birbante, ‘nsomma, che penzaie?
‘e giesucriste se purtaie.

Mano mano chilli giuvinotte
addiventaieno tutti patriotti.

L’assalto cu l’Italia appreparaie,

‘n terr’ ‘e Sicilia uh mamma e che sbarcaie!
Avettero caccia’ i tedeschi ‘americane,
vuttaieno cchiu ‘e milione ‘e rioplane,

e succerette mbum, fuoco e mine,

‘a gente notte e ghiuorne ‘int’ ‘e ccantine.
All’ultimo venettero ‘e alleate,

‘e nire e janche erano ammiscate.
Purtavano caramelle e biscuttine,

ignuno jev’ a caccia’ ‘a signurina

‘a sera ‘mmiezo ȃvia che ‘nzalata!,
avimmo fatto curnut’ e mazziate,
sta guerra mo’ è fatta nu casino,

‘a colpa è stata tutta’ e Musollino,
e metti te ‘e sorde dint’ ‘o piattino.

Condividi