Diario / 13

(di Giovanni Bevilacqua)

22 marzo 2020. Tredicesimo giorno. Anche oggi un suggerimento poetico. Ieri era la giornata mondiale della poesia. La riflessione proposta ha riguardato altro. La poesia è una sorta di trattato svolto in pochi versi. Già domenica scorsa ne ho riportata una. Quella di oggi è del nostro Eduardo De Filippo. È un componimento che mi ha accompagnato per anni, per significare ai miei ragazzi che «’o munno d”e pparole / mpara ll’arte d”o pparlà». Ma soprattutto che «…st’arte è l’arte / ca se sceglie ‘o traditore»: anche l’autore l’ha imparata, perché si serve delle parole per mestiere, ma ci avverte in modo imperativo che «Se capisce ca parlanno, / nciucio, mbroglio… e faccio ‘ammore.» Le parole sono necessarie, è necessario usarle bene, nel modo giusto. Riconoscerle e decifrarle è l’imperativo per evitare di essere imbrogliati da chi ce le propone. Riconoscerle e decifrarle ci aiuta a non seguire i pifferai che tanto ciarlano in questi giorni.

o munno d”e pparole

Si t’ ‘o ddico nun me cride
manco si pittass’ ‘o sole
pecché ‘o munno d”e pparole
mpara ll’arte d”o pparlà.
E tu saje ca st’arte è l’arte
ca se sceglie ‘o traditore
pecché l’ommo senza core
fa furtuna c’ ‘o pparlà.
Io, gnorsì, pure sò chillo
c’ha liggiuto e s’è applicato;
c’ ‘o mestiere s’ha ‘mparato,
e se serve d”o pparlà…
Se capisce ca parlanno,
nciucio, mbroglio… e faccio ‘ammore.
Ma però tengo nu core
e cu te, che vuò parlà!

La poesia è contenuta nel volume: Eduardo De Filippo, Le poesie, edito da Einaudi nel 1975.

A domani

Condividi