Legambiente e il Comitato Arzano Ambiente vogliono conoscere i risultati della qualità dell’aria dopo l’incendio in via Caravaggio. In una lettera-diffida, protocollata giovedì 25 febbraio, inviata alla Commissione Straordinaria, al Comandante della Polizia Locale, Dott. Biagio Chiariello e la Responsabile Area Ambiente Urbano, ingegner Mario Oscurato, le due associazioni arzanesi vogliono conoscere i dati dei rilievi eseguiti. Nella missiva gli ambientalisti scrivono: “Richiesta di divulgazione dei dati delle indagini ambientali in seguito all’incendio divampato il 15 febbraio 2021 in via Caravaggio ad Arzano. Il rogo che ha interessato un deposito dedito allo stoccaggio di casalinghi e giocattoli ha provocato un disastro ambientale propagantosi per più di 24 ore sull’intero territorio a nord di Napoli. Come avvenuto in episodi analoghi, si effettuano misurazioni costanti della qualità dell’aria con analizzatore multigas,rilevando la quantità di diossina nell’aria nelle varie fasi dell’incendio, al fine di tutelare i cittadini e disporre, nel caso, misure restrittive e/o preventive.

Si diffidano le autorità competenti nell’intervenire il prima possibile, per per preservare la salute dei cittadini”.

Condividi