Le associazioni Antheas, AttivArzano, Comitato Arzano Ambiente, Dal Basso, S. Matilde Serao, Legambiente e Obiettivo Famiglia-Federcasalinghe, scrivono al Prefetto di Napoli, al Ministro degli Interni, al Procuratore Generale della Corte dei Conti, al Presidente della Regione Campania per denunciare ciò che accade ad Arzano.

Le associazioni, questa volta, si focalizzano sulla sanificazione  operata nei giorni scorsi sul territorio arzanese;  sul modo di gestire gli affidamenti dei lavori; sull’impresa che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti, inadempiente in molti punti del capitolato, secondo i sottoscrittori della missiva.

In apertura della lettera le associazioni condannano anche l’infelice frase del vicePrefetto D’Orso, quando, alla fine della conferenza stampa di giovedì 12 marzo ha: “…liquidato banalmente i cittadini di arzanesi con la celebre frase, che dà il nome al libro, “Io speriamo che me la cavo”.

La lettera è accompagnata da un report fotografico sulla sanificazione effettuata nei giorni scorsi.

 

Condividi